RomaFF12: The Breadwinner, sbagliare con buone intenzioni

the breadwinner posterThe Breadwinner è un film d’animazione voluto e prodotto da Angelina Jolie. Sappiamo quanto l’attrice abbia a cuore la situazione socioeconomica di alcuni paesi del terzo mondo e i suoi continui atti di beneficenza ne sono una prova lampo.
in questo film d’animazione, che racconta di una famiglia nella Kabul del 2011, con una delle giovani figlie, Parvana, che si veste come un maschio, si taglia i capelli, per poter girare liberamente in città, comprare cibo al mercato per sfamare la famiglia e fare piccoli lavoretti per guadagnare soldi. Questo perché suo padre e sua madre hanno avuto solo figlie femmine e le donne non possono girare liberamente in città. Quando poi il padre di Parvana verrà arrestato ingiustamente con la falsa accusa di essere un nemico del paese, la situazione si farà sempre più tragica.

Al netto di un’animazione sicuramente eccellente e inedita nel panorama del genere al cinema, il film purtroppo si perde in un bicchier d’acqua, in particolare quando cerca con forza di creare una morale religiosa attorno al film. Invece di essere quindi un film, una fiaba o il semplice film d’animazione tratto dall’omonimo romanzo pubblicato nel 2000, The Breadwinner con forza cerca la morale che sfiata lo spettatore che oltre a quello, non riesce a vedere nient’altro, quando invece ci sarebbero tante altre piccole sottotrame interessanti che vanno a morire durante il percorso narrativo senza una vera e propria risoluzione.

Il film sembra ricordarci a noi popoli in pace (che parolone di questi tempi) che c’è gente più sfortunata di noi, che vive in situazioni sociali e umane dove se sei donna, non hai il diritto neanche di camminare per le strade della tua città. Se l’intenzione era anche quella di fare denuncia, il film allora non riesce ad andare di peso sull’obiettivo prefissato, mostrandoci la cruda realtà, ma non far nulla per comunicare speranza allo spettatore.
Facilmente a quanto siamo abituati, la bontà e la purezza arrivano sempre dai gesti dei più piccoli, almeno finché anche loro non verranno toccati dall’inevitabile e orrenda guerra.

the breadwinner

Gabriele Barducci

Gabriele Barducci

"We gotta get out while we're young
`Cause tramps like us, baby we were born to run"
- Bruce Springsteen
Gabriele Barducci

You may also like...

Condivisioni